PNRR: al via il protocollo di intesa in Puglia. Sodalizi entro il 30 novembre

di Julia Pastore

Le due associazioni “NextEu” e “Destinazione Salento” danno vita ad un sistema di collaborazione e co-progettazione volto alla concreta messa in atto delle riforme volute dal PNRR, consapevoli che ogni settore sarà investito, anche trasversalmente, dallo stesso piano, e fanno una chiamata alle armi: parole d’ordine, “rete” e “inclusione”.

Come nasce l’dea

Questo gruppo di azione che si sta via via formando è il primo passo verso la realizzazione di importanti obiettivi: non possiamo permetterci di trascurare quest’occasione irripetibile per l’Italia, ma soprattutto per il Mezzogiorno, sulla valorizzazione del capitale umano. Sono già stati organizzati due primordiali incontri, il primo a Patù, il 30 settembre e il secondo a Gallipoli, il 26 ottobre, alla presenza di imprese, professionisti e associazioni.

I promotori

“Nexteu” è l’associazione attiva per lo sviluppo del territorio, lo studio e l’applicazione del PNRR, mentre “Destinazione Salento” vede la propria origine da un gruppo nato sui “social” e composto da oltre 250 operatori turistici, con l’obiettivo di promuovere la cultura dell’ospitalità e dell’accoglienza turistica, ed è rivolto alle istituzioni pubbliche e private e più in generale al mercato nazionale ed internazionale. Esprimono entusiasmo i promotori dell’iniziativa: Marco Sponziello per l’associazione “NextEu”, Marco Carra, Daniela Talà e Andrea Mingolla per “Destinazione Salento”.

L’iniziativa

Tutti gli enti, associazioni, istituzioni sia pubbliche che private sono invitate a sottoscrivere un protocollo d’intesa per organizzarsi insieme sulle richieste e le necessità provenienti dal territorio e per l’uso di tutti gli strumenti e fondi messi a disposizione del PNRR. Per questo infatti occorre progettare e proporre insieme ai tavoli politici e ministeriali perché questo è la regola richiesta dal Piano, per non rischiare di perdere i fondi stanziati per il Sud. Tutto all’insegna della sostenibilità, perché il tempo è poco (entro il 2026 dovremo spendere tutti i fondi europei) e il denaro da veicolare è tanto, dunque il rischio di non avere, ancora una volta, capacità di spesa è elevato.

I settori coinvolti

Turismo, ambiente, enogastronomia, demanio, turismo come riqualificazione dei centri storici, riqualificazione dei beni architettonici e culturali, delle dimore storiche, della parte rurale (quindi anche in termini di rigenerazione urbana, che è una delle leve della sburocratizzazione dei procedimenti amministrativi): ma ogni comparto è chiamato a consorziarsi, anche i singoli comuni. Solo la co-progettazione per la promozione di idee, a partire dalla sottoscrizione di un protocollo d’intesa, insieme alla formazione e al lavoro di qualità, porterà a dei grandi risultati per il Sud e per l’Italia.
Ricordiamo che il protocollo è uno strumento semplice perché aperto.
La prima fase di chiamata è rivolta a tutti e scadrà il 30 novembre, e a questa seguirà la fase di progettazione.

Come fare per aderire

Basta inviare una mail all’indirizzo info@nexteu.it o telefonare al numero dell’associazione “NextEu” 0832 306890, e chiedere di aderire.

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Autore

Condividimi sui Social Network!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *