PNRR, M5C1: dal MISE incentivi all’imprenditoria femminile

Firmato il 30 marzo 2022 dal Ministro allo sviluppo economico, Giorgetti, il decreto ministeriale in attuazione della Missione 5, Componente 1 “Politiche per l’occupazione” del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, in particolare, attraverso l’investimento 2.2 “Creazione di Imprese Femminili”.

La dotazione complessiva, stanziata dal PNRR è di 193,8 milioni di euro, finalizzati alla concessione di agevolazioni sottoforma di prestiti e contributi ad imprese femminili, per il loro avvio, sviluppo e consolidamento.

Come partecipare

I fondi verranno gestiti da Invitalia, che indirizzerà le neo-imprenditrici, in base alla valutazione fatta sui loro progetti, verso gli strumenti già attivi sul territorio italiano, ovvero: il Fondo a sostegno dell’impresa femminile, la misura Nuove imprese a tasso zero e Smart&Start Italia, che seguiranno le imprese nella realizzazione del loro progetto.

Le domande potranno essere presentate ad Invitalia, tramite PEC o presso gli sportelli pubblici. La partecipazione all’agevolazione viene distinta in tre categorie d’impresa, in base alla richiesta di agevolazione da presentare, e con un’istruttoria di richiesta divisa in due fasi. Le date previste per la fase di compilazione delle domande:

  • Dalle ore 10:00 del 26 aprile, per le imprese femminili non residenti sul territorio italiano;
  • Dalle ore 10:00 del 5 maggio, per le nuove imprese da costituire;
  • Dalle ore 10:00 del 24 maggio, per le imprese in fase di sviluppo e consolidamento.

L’istruttoria, prevede poi la fase di presentazione delle domande, fissate a partire dal:

  • 19 maggio 2022 per le imprese di nuova costituzione;
  • 7 giugno 2022 per le imprese in fase di sviluppo o consolidamento.

Le finalità dell’investimento

Gli strumenti disposti dall’incentivo permettono la valorizzazione dell’impresa femminile in ogni settore, costituendo una misura, seppur apparentemente complessa, molto importante e dalla grande estensione.

 Il ministro allo sviluppo economico, Giorgetti dichiara infatti: <<Sono molto soddisfatto. Non si tratta soltanto di una misura finanziaria, ma di una vera riforma per promuovere e diffondere la cultura dell’imprenditorialità femminile>>.

Si tratta di un importante passo per lo sviluppo dell’autoimprenditorialità femminile che potrebbe manifestare un importante impatto sul Mezzogiorno, che beneficerà del 40% e che sicuramente vedrà grande partecipazione nel 25% riservato alle microimprese, costituenti la maggioranza delle imprese presenti al Sud.

Decreto MISE creazione imprese femminili

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR e del RePower Eu?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Autore

  • Studioso e lavoratore della filiera agroalimentare e del turismo. Fermamente convinto nella qualità dei prodotti salentini, e nel valore che essi creano per il Paese intero. Studioso del fermento culturale ed economico del Mezzogiorno

close

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR e del RePower Eu?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Condividimi sui Social Network!