Comunità energetiche: novità dal Mase

“Dobbiamo far crescere le rinnovabili – ha spiegato Pichetto – e con il sole e il vento, al centro del Mediterraneo, possiamo avere un ruolo importante, ribaltando il rapporto che vede oggi due terzi dell’energia prodotta con fonti fossili”.

Tutto sembrava comprabile e vendibile, ma stiamo pagando per le scelte del passato. Adesso, con il governo guidato da Giorgia Meloni, un disegno c’è: abbiamo la determinazione, la volontà, una forte voglia di partecipazione delle comunità. La sfida Paese è costruire un mosaico mettendo al posto giusto tanti tasselli, avendo la forza di adattarci continuamente e guardando alle tecnologie esistenti. E’ una sfida che coinvolge non solo il governo, ma Regioni, province, comuni e corpi intermedi, verso un obiettivo comune: l’indipendenza energetica”.  

Lo ha detto il Ministro Gilberto Pichetto, intervenendo a L’Aquila al convegno “Energia per la crescita. Una scelta di comunità”, organizzato dall’amministrazione del capoluogo abbruzzese e incentrato sul tema delle Comunità Energetiche Rinnovabili.  

“Dobbiamo far crescere le rinnovabili – ha spiegato Pichetto – e con il sole e il vento, al centro del Mediterraneo, possiamo avere un ruolo importante, ribaltando il rapporto che vede oggi due terzi dell’energia prodotta con fonti fossili”.

Plaudendo all’iniziativa di sei impianti per quattro comunità energetiche nate sul territorio aquilano, il ministro ha ricordato che le CER oggi sono finanziate tramite il PNRR “con un intervento a fondo perduto che potrà arrivare fino al 40%” per i comuni sotto i 5.000 abitanti, mentre per le altre realtà con l’incentivazione in tariffa. “Lo scopo fondamentale – ha spiegato Pichetto – è liberalizzare la produzione di energia rendendo coscienti gruppi di persone che produrre energia può rendere un contributo al Paese e a sé stessi, alla propria famiglia e impresa, perché grazie all’autoproduzione abbiamo un prezzo più basso”.  “Puntiamo ad avere migliaia di produttori – ha concluso il Ministro – e vedo in L’Aquila, nella voglia degli aquilani di costruire come di ricostruire, la start-up di un modello che parte dalla base”.

Mase

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR e del RePower Eu?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

close

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR e del RePower Eu?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Condividimi sui Social Network!