Dal PNRR 56 milioni alla Puglia per il paesaggio rurale

Approvato il 7 aprile in giunta regionale, il decreto attuativo per la Missione 1, Componente 3 del PNRR. L’investimento 2.2 “Protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale” permette lo stanziamento, in Puglia, di oltre 56 milioni di euro per preservare e valorizzare il paesaggio e l’architettura delle comunità rurali.

La finalità dell’intervento è infatti la valorizzazione di edifici ad oggi in stato di abbandono: dalle masserie, ai frantoi fino a luoghi di culto, in grado di favorire uno sviluppo turistico e culturale delle comunità più ristrette con luoghi importanti che versano in stato d’abbandono.

La Puglia sul podio

Dopo Sicilia e Campania (rispettivamente 76,5 e 72,4 milioni di euro assegnati) la Puglia sale al terzo gradino del podio, destinando così al Mezzogiorno, una quota di fondi che ammonta al 48%. Gli interventi verteranno sul recupero di insediamenti agricoli, edifici, luoghi di culto che verranno valorizzati attraverso l’attenzione posta al recupero ed al censimento di queste aree.

Confagricoltura Puglia spiega << si prevede di sostenere il recupero di circa 3.933 beni del paesaggio architettonico e rurale in tutto il Paese, attraverso il riassetto conservativo e recupero funzionale di insediamenti agricoli, edifici, artefatti e edifici storici rurali, colture agricole di interesse storico ed elementi tipici dell’architettura e del paesaggio rurale>>

Le modalità di partecipazione

Gli interventi verteranno sul processo di riqualificazione e valorizzazione di edifici storici rurali, anche di privati o di enti del terzo settore, e di tutela del paesaggio.

Un impulso importante che permetterà di stabilire le caratteristiche paesaggistiche ed architettoniche degli insediamenti rurali, catalogando in un sistema informativo nazionale, le peculiarità dei territori e le tecniche di intervento per il recupero paesaggistico-architettonico.

Saranno gli enti locali ad avere la responsabilità di selezionare e sovvenzionare le proposte ricevute. Il termine per l’emissione degli avvisi pubblici, con le relative modalità di proposta da parte di Regioni e Province, è fissato al 31 maggio.

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Autore

  • Studioso e lavoratore della filiera agroalimentare e del turismo. Fermamente convinto nella qualità dei prodotti salentini, e nel valore che essi creano per il Paese intero. Studioso del fermento culturale ed economico del Mezzogiorno

close

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Condividimi sui Social Network!