PNRR, Programma nazionale per la gestione dei rifiuti

Carenza di impianti e insufficienza nella capacità di pianificare e gestire la quantità di rifiuti delle regioni sono i motivi che hanno spinto il governo a creare un PNGR.

Gli obiettivi principali sono quelli di colmare le lacune impiantistiche e gestionali e di evitare di far nascere procedure di infrazione sui rifiuti.

Il programma ha una durata di sei anni (2022 – 2028). In questo periodo di tempo le Regioni e le provincie autonome dovranno aumentare il tasso di raccolta differenziata, ridurre il numero di discariche irregolari, creare dei nuovi sistemi di gestione del ciclo dei rifiuti.

Il perseguimento di questi obiettivi permette inoltre di favorire sia lo sviluppo di un’economia sostenibile e circolare e sia la crescita della transizione energetica. Infatti il programma prevede anche il Life Cycle Assessment (LCA) per i rifiuti, un metodo strutturato che permette di quantificare i potenziali impatti sull’ambiente e sulla salute umana a partire dal rispettivo consumo di risorse e di emissioni.

Il ministero della transizione ecologica, visto l’ambiziosità del progetto intende avviare una consultazione pubblica per permettere a cittadini e associazioni di esprimere pareri entro 45 giorni dalla pubblicazione ufficiale. Tali osservazioni saranno poi utilizzate per creare una Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

Avviso pubblico

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Autore

  • Laureato in Economia, finanza e assicurazioni e con un master in innovazione e sostenibilità, da anni coltivo la mia passione per lo studio del processo di digitalizzazione e di sviluppo sostenibile e i vantaggi che tale cambiamento può portare a livello economico, culturale e ambientale

close

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con le novità del PNRR?

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Condividimi sui Social Network!